LA MIA ENERGIA

Il Cavo Magico va a scuola! Intervista a Maestra Marialuisa

Questo articolo parla di:cavomagico, scuola, bambini, educazione

Preparare lezioni, correggere compiti, coltivare talenti, stringere relazioni, combattere discriminazioni e, soprattutto, educare al rispetto e alla solidarietà. Quante sfide incontra ogni giorno chi si occupa di formazione! E quante energie ci vogliono per fare l’insegnante! Da dietro una scrivania, uomini e donne di tutto il mondo condividono quotidianamente l’incredibile responsabilità di formare le generazioni future per contribuire alla costruzione di una società migliore. A loro e al loro formidabile impegno l’UNESCO-ILO ha dedicato nel 1994 la Giornata Mondiale degli Insegnanti, che da allora ricorre annualmente il 5 ottobre. Per celebrare questo importante appuntamento abbiamo incontrato Marialuisa Arisi, vivacissima e intraprendente maestra elementare di Caselle Lurani.


Ciao Marialuisa. Presentati in tre aggettivi.
Dinamica, curiosa, empatica.

Oltre alle tue attività in classe, da anni gestisci un fortunatissimo sito ricco di consigli rivolti a insegnati e a mamme come te. Come è nata questa idea?
L’idea è nata dall’esigenza di creare una sorta di contenitore virtuale in cui poter raccogliere in modo ordinato tutto il materiale didattico da me prodotto. Inoltre mi piaceva l’idea di poter essere utile a insegnanti alle prime armi come lo ero stata io tanto tempo fa.

Negli anni il sito è diventato un importante punto di riferimento per la community cui ti rivolgi. Come si è evoluto lo scambio tra te e le tue colleghe “virtuali”?
Il sito è nato nel 2009 ma ha iniziato a decollare nel 2012, grazie al prezioso aiuto del collega Roberto Sconocchini che in quell’anno l’ha recensito a mia insaputa, aumentando così notevolmente il numero delle visite. Oggi il sito registra circa cento utenti ogni giorno.



Tra le molte attività consigliate sul tuo sito c’è “Alla ricerca del Cavo Magico”, un gioco interattivo sviluppato da ENERCOM per spiegare ai più piccoli la cultura del risparmio energetico. Perché l’hai scelto? Cosa ti è piaciuto di questo progetto?
Mi è piaciuta subito l’idea di presentare ai bambini in modo giocoso un argomento che potrebbe risultare troppo complesso e distante dal loro mondo. Poi ammetto di essermi letteralmente innamorata del personaggio di Giacomino.

Con i suoi personaggi da costruire e l’avvincente trama a episodi, immagino che “Alla ricerca del Cavo Magico” abbia conquistato i bambini.
Assolutamente sì! Abbiamo appena letto il primo capitolo e ho già notato un grande entusiasmo da parte dei miei alunni, particolarmente colpiti dalla strega cattiva. Naturalmente si sono anche divertiti a colorare e creare il modellino, curiosi di scoprire cosa sarebbe successo negli episodi successivi e quali altri personaggi avrebbero potuto conoscere e costruire.



Per concludere, svelaci il tuo segreto. Dove trovi le energie per fare tutto? Qual è la tua ricarica quotidiana?
Le energie nascono da un’immensa e incommensurabile passione per il mio lavoro. La mia vera ricarica quotidiana sono l’entusiasmo dei miei alunni e i loro costanti progressi.

Apri Nuovi Clienti